giovedì, Febbraio 2, 2023
spot_img

Tocografia cardiaca (CTG)

un indicatore per prevedere i parti vaginali e cesarei

Good Clinical Pratice Net Work

La tocografia cardiaca è una procedura utilizzata per registrare il battito cardiaco e le contrazioni di un feto durante la gravidanza. Il monitor fetale elettronico (EFM) è la macchina utilizzata per eseguire il monitoraggio. Conosciuto anche come Cardiotocografo. Ci sono trasduttori XNUMX situati sull’addome delle donne in gravidanza. XNUMX registra la frequenza cardiaca fetale e XNUMX registra le contrazioni uterine.

Ospedale universitario Inselspital, Berna

Il leader del progetto prevede di creare un sistema decisionale per la decisione di progettazione (CDS). Autoapprendimento per analizzare la Mind Toco Library (CTG) Te-Christmas dell’Ostetricia dell’Inselspital Berna. E registra questo processo e analizza gli attuali risultati clinici di 10.000-15.000 pazienti occupati. CSEM progetta, sviluppa e appiattisce i parametri AI di P. Puoi avere un sistema CDS. L’intelligenza artificiale impara a eseguire questo programma apprendendo algoritmi di apprendimento automatico (ML). Lo scopo principale di AI-CDS è determinare il servizio fetale fetale “superumano”, di autoapprendimento e di estrazione frazionata per le ostetriche.

J-Global

La cardiografia (CTG) consiste nella frequenza cardiaca fetale (FHR) registrata contemporaneamente alla contrazione materna (UC). CTG è ampiamente utilizzato per la valutazione della gravidanza. In questo studio, gli autori hanno utilizzato la contrazione uterina (UC) e la frequenza cardiaca fetale (FHR) separatamente per il set di dati cardiologici ottenuto da Physionet per la classificazione del parto vaginale rispetto a quello cesareo.Proponendo una tecnologia nuova e diretta. Solo una caratteristica è stata estratta sia da UC che da FHR per la classificazione. Sulla base del fine KNN come classificatore, è stata raggiunta una precisione del 100%. Copyright 2021 The Institute of Electrical and Electronics Engineers, Inc. Tutti i diritti riservati Tradotto dall’inglese al giapponese da JST.

PubMed jp

Interpretazione del CTG fisiologico: l’importanza dei cambiamenti della frequenza cardiaca fetale di base dopo l’inizio della decelerazione e l’esito del periodo di produzione associato.

Obiettivo: Determinare l’esito perinatale del feto con un cambiamento nella linea di base della frequenza cardiaca fetale con un precedente rallentamento del tracciato tocografico cardiaco (CTG) e interpretare il tracciato CTG da un aspetto della fisiologia fetale. Materiali e metodi: è stata eseguita un’analisi retrospettiva di 500 tracce CTG consecutive. A seguito della presenza di variabili ripetitive e di una lenta decelerazione, sono state determinate le modifiche al basale, tra cui tachicardia al basale e variabilità anormale al basale. Abbiamo analizzato gli esiti perinatali come il punteggio di Apgar e il pH dell’arteria ombelicale alla nascita, il ricovero NNU e il liquido amniotico macchiato di meconio. Cambiamenti interpretati in CTG basati sulla fisiologia fetale. RISULTATI: In presenza di variabili ripetitive senza tachicardia e decelerazione lenta (n = 81), nessuna feto ha avuto un Apgar score inferiore a 7 o un pH del cordone ombelicale inferiore a 7 a 5 minuti. Dopo l’inizio della tachicardia fetale (n = 262), il feto ha mostrato una diminuzione del punteggio di Apgar e del pH dell’arteria ombelicale (p <.01), ma c’era una differenza significativa nel tasso di punteggio di Apgar anormale a 5 minuti, PH anormale e ospedalizzazione NNU No, se la variabilità basale rimane normale. Tuttavia, si è verificato un aumento statisticamente significativo della prognosi infausta perinatale quando la variabilità basale era anormale dopo la tachicardia (n = 44) (aumentata o diminuita). I piedi con variabilità anormale e normale avevano punteggi di Apgar inferiori a 7 a 5 minuti (29,6 vs 0,9%, p = .000). pH dell’arteria ombelicale alla nascita <7 (29,5 vs 0%, p = .000); aumento del ricovero in NNU (27,3 vs 3,7%, p = .000) e aumento dell’incidenza di liquido amniotico macchiato di meconio (38,6 vs 22,5) %, p =.024). Questi continui cambiamenti nel CTG possono essere interpretati e previsti dalle applicazioni di fisiologia fetale. CONCLUSIONI: Ci sono differenze significative negli esiti perinatali quando il feto è esposto allo sviluppo di stress ipossico durante il travaglio, raggiungendo una variabilità anormale della frequenza cardiaca fetale di base, preceduta da decelerazioni ripetute, e quindi la frequenza cardiaca di base.Il numero è aumentato. Tuttavia, nessuno dei feti aveva un pH inferiore a 7 se la variabilità basale rimaneva normale nonostante la continua decelerazione. Pertanto, la conoscenza della risposta fisiologica fetale all’evoluzione dello stress ipossico può certamente essere utilizzata per determinare la compensazione fetale.Obiettivo: determinare gli esiti perinatali nei feti con variazioni della frequenza cardiaca fetale al basale con precedenti decelerazioni sul tracciato cardiotocografico (CTG) e interpretare i tracciati CTG dall’aspetto della fisiologia fetale.Materiali e metodi: un’analisi retrospettiva di 500 tracciati CTG consecutivi È stata determinata la presenza di variabili ripetitive e decelerazioni tardive seguite dai cambiamenti nella linea di base, tra cui tachicardia al basale e variabilità anormale al basale. Sono stati determinati gli esiti perinatali inclusi punteggi di Apgar e pH dell’arteria ombelicale alla nascita, ammissione NNU e liquido amniotico macchiato di meconio abbiamo interpretato i cambiamenti di CTG basata sulla fisiologia del feto. Risultati:Quando erano presenti decelerazioni variabili ripetitive e tardive senza tachicardia ( n  = 81), nessuno dei feti aveva un punteggio di Apgar <7 a 5 minuti o un pH del cordone ombelicale <7. Dopo l’insorgenza della tachicardia fetale ( n  = 262), i feti hanno mostrato punteggi di Apgar ridotti e pH dell’arteria ombelicale ( p  <.01), tuttavia, non vi era alcuna differenza significativa nel tasso di punteggio Apgar anormale a 5 minuti, PH anormale e ammissione NNU, se la variabilità al basale rimaneva normale. la variabilità era anormale ( n = 44), (aumentato o ridotto) dopo la tachicardia, c’è stato un aumento statisticamente significativo degli esiti perinatali scarsi. I feti con variabilità anormale rispetto a quella normale avevano punteggi di Apgar più bassi ≤ 7 a 5 min (29,6 contro 0,9%, p  = 0,000) pH arterioso del cordone ombelicale <7 alla nascita (29,5 contro 0%, p  = .000); aumento dei ricoveri in UR (27,3 contro 3,7%, p  = .000) e aumento dell’incidenza di liquido amniotico macchiato di meconio (38,6 contro 22,5) %, p  = .024). Questi cambiamenti seriali in CTG potrebbero essere interpretati e previsti dall’applicazione della fisiologia fetale. Conclusioni: Ci sono state differenze significative negli esiti perinatali quando i feti sono stati esposti a stress ipossico intrapartum in evoluzione che culmina in un’anormale variabilità della frequenza cardiaca fetale di base, che è stata preceduta da decelerazioni ripetitive, seguite da un aumento della frequenza cardiaca di base. La variabilità di base è rimasta normale, nessuna dei feti aveva un pH < 7. Pertanto, la conoscenza della risposta fisiologica fetale allo stress ipossico in evoluzione può essere utilizzata in modo affidabile per determinare la compensazione fetale.

Related Articles

Stay Connected

21,914FansLike
3,692FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi Articoli