martedì, Novembre 29, 2022
spot_img

Ultimi sviluppi negli indumenti intelligenti

Negli ultimi anni, c’è stato un enorme miglioramento nella tecnologia indossabile che la compatta al punto da poter essere integrata con un capo senza comprometterne le proprietà. Ciò ha portato a una nuova generazione di indumenti denominata “indumento intelligente”. In questo post, esamineremo alcuni degli ultimi sviluppi nel campo dell’abbigliamento intelligente e in una certa misura nella tecnologia indossabile.

Cos’è un capo intelligente?

L’indumento intelligente o l’abbigliamento intelligente è un tipo di abbigliamento composto da tessuto con componenti digitali incorporati insieme a una fonte di alimentazione. I componenti digitali comprendono sensori, microcomputer e componenti fisici. che su una corretta integrazione aggiunge valore al capo. Queste aggiunte rendono l’indumento capace di funzioni che un capo tradizionale non può, permettendogli di comunicare, trasformare, condurre energia, brillare ecc.

Per conoscere lo sviluppo, dobbiamo guardare le categorie su cui sono stati classificati gli indumenti intelligenti.

  1. Miglioramento estetico che cambia l’aspetto esteriore del capo in base ai sensori utilizzati 
  2. Miglioramento delle prestazioni che hanno lo scopo di aiutare le prestazioni raccogliendo e analizzando i dati dai vari sensori utilizzati. 

Gli ultimi indumenti intelligenti e le loro applicazioni

Gli indumenti intelligenti, che rappresentano il futuro della tecnologia, avranno un grande impatto sulla nostra vita quotidiana con le sue vaste applicazioni. Toccando solo la punta dell’iceberg, alcuni dei diversi sviluppi di questa tecnologia sono i seguenti.

1. L’abito BB di Akkersdijk è diventato il pioniere nell’abbigliamento intelligente con filo incorporato e filo che attraversa l’indumento. Funziona come una propria piattaforma di comunicazione simile a quella di uno smartphone e un computer con punto di accesso WiFi, GPS Tracker, una playlist crowdsourcing insieme a un pacco batteria.

Abito BB di Akkersdijk

2. I pantaloni da yoga intelligenti Nadi X di Wearable X sono dotati di una vibrazione tattile incorporata che pulsa delicatamente in varie parti del corpo per guidare chi lo indossa nelle varie posizioni. Le vibrazioni sono controllate da un’applicazione per il controllo sincronizzato. 3. La giacca Levi’s Commuter Tucker Jacket della piattaforma Jacquard di Google consente all’utente di interagire con una varietà di servizi, tra cui app di musica e mappe attraverso un’area sensibile al tocco e ai gesti.

4. La maglietta intelligente di Hexoskin è dotata di sensori come cardiofrequenzimetro, accelerometro ecc. Che forniscono dati in tempo reale ed è sincronizzata con un’app complementare che fornisce informazioni dettagliate sull’intensità dell’allenamento e sul recupero, sulle calorie bruciate, sul livello di affaticamento, sulla qualità del sonno ecc.

fonte immagine: hexoskin.com

5. Gli Athleisure di Athos sono dotati di micro sensori EMG intrecciati nel tessuto che sono in grado di rilevare il movimento muscolare e tenerne traccia attraverso un’applicazione mobile. Può anche rilevare lo sforzo muscolare, la frequenza cardiaca, la respirazione con una guida all’allenamento speciale tramite l’app.

Fonte immagine: Athos

6. Samsung ha anche investito in indumenti intelligenti con il marchio The Human Fit che ha prodotti come la maglietta da allenamento Body Compass che monitora i dati biometrici, una maglietta da golf con sistema di monitoraggio meteo e UV, una tuta intelligente NFC con la collaborazione di Rogatis fornisce NFC (Near Field Comunicazione) funzionalità con Samsung Pay for payment.

Tuta NFC di Samsung

7. Il parka e il giubbotto bomber di Ralph Laurel per la squadra olimpica americana utilizzano l’inchiostro termoconduttore per generare calore come una coperta elettrica. Questa tecnologia può essere incorporata in calze, guanti, berretti, ecc.

8. L’abbigliamento a LED è diventato una nuova tendenza nella moda con l’uso in spettacoli e performance extra-moderni. I micro LED sono incorporati negli indumenti con effetti di luce dinamici in grado di creare design unici di qualsiasi complessità. Può anche essere accoppiato con vari sensori per visualizzare informazioni generalmente tramite l’applicazione mobile.

Fonte immagine: Broadcastwear

9. L’Università di Bristol sta lavorando su abiti robotici morbidi che funzioneranno come supporto per chi li indossa durante il lavoro laborioso fornendo la forza bionica necessaria.

10. L’abbigliamento intelligente si è anche integrato nell’esercito che comprende entità fisiologiche di rilevamento sensoriale come l’impegno muscolare, l’ossigenazione del sangue, la temperatura corporea, la pressione sanguigna; entità cinetiche come passi, pressione, accelerazione, GPS ecc. e rilevamento di agenti che sono in grado di misurare cose come radiazioni, sostanze chimiche, virus ecc.

Futuro dei capi smart

Con una crescita della tecnologia indossabile, il mercato è stato stimato in circa $ 45 miliardi entro la fine del 2021 con un aumento del 47% rispetto a quello del 2017 ( SNS Telecom & IT ). È stato in grado di creare un ecosistema tecnologico indossabile con la capacità di collegare tutti gli aspetti delle moderne necessità nei settori dei consumatori, assistenza sanitaria, sport professionistici, vendita al dettaglio e ospitalità, militari, sicurezza pubblica ecc. Formando così il futuro mentre parliamo. 

Riferimento articolo  https://www.mouser.in/applications/healthcare-may-reside-in-smart-clothing/ https://www.wearable.com/smart-clothing/best-smart-clothing

Come funziona la tecnologia indossabile

La canotta Move monitora la posizione del tuo corpo durante gli allenamenti e ti avvisa in caso di scarso allineamento.

La canotta Move monitora la posizione del tuo corpo durante gli allenamenti e ti avvisa in caso di scarso allineamento.

IMMAGINE PER GENTILE CONCESSIONE DI ELECTRICFOXY

In un passato molto recente, usare un computer significava sedersi a una scrivania o portarsi dietro la borsa del laptop. Oggigiorno, grazie agli smartphone e a una valanga di minuscoli prodotti informatici portatili, puoi sgranocchiare bit e byte sempre e ovunque. E presto potresti non aver nemmeno bisogno di portare con te i tuoi gadget: saranno integrati nel tuo cappello, nei tuoi vestiti e nei tuoi occhiali. L’era della tecnologia indossabile potrebbe finalmente essere alle porte.

Per decenni, ingegneri e sognatori hanno evocato idee per computer indossabili. Ma le velocità dei microprocessori non erano sempre all’altezza e i problemi di alimentazione erano fondamentali, perché senza la potenza per portarli in vita, l’elettronica è solo un metallo morto.https://imasdk.googleapis.com/js/core/bridge3.508.0_it.html#goog_872780331Curiosità sulla conoscenza generale dell’HSW 801:21/01:43

Ora, con batterie migliori, velocità del processore sempre crescente, connettività Internet incessante e programmazione software intelligente, il potenziale della tecnologia indossabile sembra non solo realistico ma illimitato.

Considera le possibilità. Il tuo abbigliamento da yoga può monitorare la tua forma e fornire un feedback immediato. Orologi e gioielli possono monitorarti per un’intera gamma di condizioni di salute, dalle malattie cardiovascolari al disturbo bipolare, e comunicare avvisi a te e al tuo medico. Le giacche antincendio cariche di sensori e telecamere tracciano i segni vitali e le posizioni dei membri della squadra per tenerli al sicuro e massimizzare l’efficacia tattica.

Gli adolescenti possono tenere d’occhio i loro messaggi con gli squilli Bluetooth. Indossa un paio di Google Glasses (completi di lenti graduate) e potrai eseguire ogni tipo di attività da smartphone. Anche il tuo cane può entrare nella tendenza dei computer indossabili. Attacca un collare intelligente a Fido e saprai se sta molestando gli scoiattoli tutto il giorno o giù nelle discariche dei cani.

Gli esperti di mercato vedono i soldi nella tecnologia indossabile. Il rapporto di previsione della tecnologia di Deloitte prevede che le aziende venderanno circa 10 milioni di unità di questi prodotti nel 2014, con gli occhiali intelligenti all’avanguardia con vendite di quasi 3 miliardi di dollari. Anche gli smartwatch e i cinturini per il fitness dovrebbero continuare a vendere a milioni [fonte: Deloitte ].

Quindi i dispositivi indossabili non sono più solo una tecnologia marginale. Sia le startup che le società affermate sono tutte interessate alle entrate che potrebbero derivare dai prodotti indossabili. Continua a leggere per vedere come indosserai presto i tuoi dispositivi.Contenuti

  1. Il Sé Quantificato
  2. Inseguitori del corpo in abbondanza
  3. Indossare il tuo divertimento
  4. La moda incontra la forma
  5. Un altro piezo del puzzle
  6. Il tuo io digitale

Il Sé Quantificato

Google Glass è ben pubblicizzato e la sua posizione sotto i riflettori ha suscitato lodi e derisione.

Google Glass è ben pubblicizzato e la sua posizione sotto i riflettori ha suscitato lodi e derisione.© BENOIT DOPPAGNE/AFP/GETTY IMAGES

L’obiettivo finale della tecnologia indossabile è rendere le attività più facili, più efficienti, più efficaci o semplicemente più divertenti. Tutti questi dispositivi fanno parte del cosiddetto movimento del sé quantificato , che consiste nel fondere ogni aspetto della tua vita con la tecnologia che raccoglie e elabora continuamente i dati.

Sia che tu stia cercando consapevolmente di raccogliere dati su ogni momento della tua vita o semplicemente desideri monitorare le metriche della tua corsa mattutina, la tecnologia indossabile si sta diffondendo in tutti i tipi di prodotti. In definitiva, fanno tutti parte dell’Internet delle cose , una frase onnicomprensiva che descrive gadget digitali interconnessi che registrano, segnalano e controllano i dati dal tuo corpo e in tutto il pianeta.

In questo momento, gli smartphone sono un fulcro in questo sistema. Gli smartphone associati all’app o all’hardware giusti diventano un hub per centinaia di attività e scopi. Poiché possono inviare dati da e verso Internet, forniscono un modo per integrare le opzioni di connettività in tutti i tipi di dispositivi indossabili.

Google Glass è un ottimo esempio dell’attuale evoluzione della tecnologia indossabile. Glass è un computer sotto forma di un paio di occhiali e include un display ottico montato sulla testa. In breve, Glass fa molte delle cose che il tuo smartphone può fare. Ad esempio, puoi utilizzare un comando vocale per visualizzare una mappa e quindi utilizzare il dito per scorrere le indicazioni stradali. Il Glass ha funzionalità Wi-Fi, ma quando sei fuori portata, puoi passare al Bluetooth, che si connette a Internet tramite il tuo smartphone.

Dispone di GPS , fotocamera, microfono e 16 GB di memoria flash interna (12 utenti accessibili). Puoi effettuare videochiamate, inviare foto e videoclip, controllare la posta elettronica, pubblicare post su Facebook e Twitter e molto altro ancora.

Il vetro, tuttavia, è solo un’incarnazione ben pubblicizzata della tecnologia indossabile ed è ancora in fase di test. Nella pagina successiva ti addentrerai in uno dei più grandi mercati per la tecnologia montata sul corpo.

Inseguitori del corpo in abbondanza

Se dai un'occhiata in giro, potresti notare molte persone che indossano piccoli pezzi di tecnologia per monitorare la propria forma fisica, come Jawbone Up, Misfit Shine e Fitbit Flex (nella foto qui).

Se dai un’occhiata in giro, potresti notare molte persone che indossano piccoli pezzi di tecnologia per monitorare la propria forma fisica, come Jawbone Up, Misfit Shine e Fitbit Flex (nella foto qui).

© YOSHIKAZU TSUNO/AFP/GETTY IMAGES

Il termine tecnologia indossabile implica che questi dispositivi poggino sul tuo corpo. Quindi è naturale che molti di loro si concentrino sulla salute e sulla forma fisica di chi li indossa.

Gli orologi sportivi sono tra le tecnologie indossabili più affermate. Spesso, questi orologi da polso sono dotati di GPS integrato per registrare la distanza e il tempo del tuo allenamento e molte versioni terranno sotto controllo la frequenza cardiaca, la cadenza e le calorie bruciate. Al giorno d’oggi, la magia della tecnologia sta diventando più magica. Con il sensore e la fonte di alimentazione corretti, un capo indossabile può tenere traccia di quasi tutte le metriche desiderate.

Immagina un reggiseno in grado di monitorare i modelli di calore e la forma del seno, fungendo da cane da guardia contro lo sviluppo di tumori cancerosi. O calzini carichi di sensori che tengono traccia della forma, della distribuzione del peso e di altri dati durante gli allenamenti. E la biancheria intima con elettrodi integrati potrebbe stimolare i muscoli dei pazienti costretti a letto, contribuendo a ridurre le piaghe da decubito lancinanti.

Presto, i sensori potrebbero misurare i livelli di glucosio nel sangue, aiutando i diabetici a monitorare le loro condizioni e prevenendo situazioni pericolose per la vita. I braccialetti digitalizzati potrebbero avvisare i servizi di ristorazione o i tecnici medici quando non si sono lavati a sufficienza le mani, il che potrebbe prevenire la diffusione di una miriade di malattie e migliorare la salute pubblica.

Alcuni prodotti sono già una realtà, incluso il tessuto Cityzen Smart Sensing. “intelligente” perché combina minuscoli sensori in un capo comodo, che può essere qualsiasi cosa, dai guanti ai pantaloni, a seconda dell’applicazione. Collega il capo a un trasmettitore compatto alimentato a batteria, accendi la connessione Bluetooth del tuo smartphone e all’improvviso hai un sistema di monitoraggio del corpo personalizzato.

Il tessuto comunica con un’app sul telefono per tenere sotto controllo frequenza cardiaca, respirazione e misurazioni. In definitiva, il sistema rileva quanto sei stanco o stressato e potrebbe persino avvisarti dell’insorgenza di un problema medico. Nonostante la sua natura high-tech, puoi lavare e stirare normalmente il tessuto Smart Sensing. Cityzen sta anche cercando un modo per ricaricare la batteria sfruttando il movimento rotatorio della lavatrice.

Le fotocamere indossabili non sono una novità; mountain biker, paracadutisti e altre anime avventurose le usano da anni. Ma Ego LS, di Liquid Image, è una fotocamera indossabile che trasmette in streaming i tuoi filmati a 30 fotogrammi al secondo direttamente a Internet tramite un segnale 4G o WiFi. (Ci sono usi più seri per una capacità di streaming istantaneo. I vigili del fuoco, le forze dell’ordine e i tipi militari ora possono utilizzare qualsiasi segnale cellulare decente per inviare video live in qualsiasi parte del mondo.)

Desiderate migliorare il vostro swing nel baseball, nel golf o nel tennis? Collega un piccolo sensore Zepp quadrato al tuo guanto o attrezzatura e avrai un feedback immediato su velocità, accelerazione, linea di vista e potenza. I piccoli sensori si ricaricano tramite una porta USB e funzionano direttamente con le app per smartphone sia iOS che Android tramite Bluetooth. Ad esempio, se stai praticando il tuo swing a golf, l’app Zepp fornirà dati statistici istantanei su piano del bastone, piano della mano, distanza del backswing, tempo e rotazione dell’anca. Puoi anche guardare una riproduzione animata del tuo swing in modo da poter vedere le aree che necessitano di miglioramenti.

Tuttavia, la maggior parte dei dispositivi indossabili non è ancora pronta per la prima serata. Quindi, leggi tutto su alcuni degli ostacoli inerenti a tecnologie come queste.

La moda incontra la forma

Un modello che cammina sulla passerella durante la sfilata di moda Ubiquitous Fashionable Computer della Corea del Sud nel 2006. Ovviamente, la tecnologia basata sull'abbigliamento deve essere più indossabile di così per prendere piede con le masse.

Un modello che cammina sulla passerella durante la sfilata di moda Ubiquitous Fashionable Computer della Corea del Sud nel 2006. Ovviamente, la tecnologia basata sull’abbigliamento deve essere più indossabile di così per prendere piede con le masse.© CHUNG SUNG-JUN/GETTY IMAGES

Una delle sfide principali della tecnologia indossabile sta nel renderla meno visibile e meno, beh, stupida. Per cominciare, parliamo di sguardi.

Che tu sia una fashionista, hipster o un venditore ambulante di Wall Street , la moda conta. La tua scelta di abbigliamento fornisce spunti sociali agli altri su chi sei come persona. E in un mondo in cui nessuno, nessuno, è abbastanza figo da indossare un auricolare per cellulare Bluetooth, i produttori sanno che i loro prodotti devono avere un certo sex appeal, altrimenti attireranno risatine incessanti e occhi al cielo.

La canotta Move è un ottimo esempio di tecnologia indossabile sia funzionale che alla moda. Questo indumento elastico sembra un completo da yoga alla moda, ma è intrecciato con sensori e attuatori per aiutarti a migliorare la tua forma di allenamento. Piegati troppo per una specifica mossa yoga e il Move fa vibrare delicatamente l’area offensiva del tuo corpo. Il risultato finale è una forma migliore e una ridotta possibilità di infortuni, il tutto combinato in un outfit che attira gli sguardi in modo positivo.

In netto contrasto, Google Glass e i suoi fratelli offrono un aspetto da cyborg nerd che molte persone trovano fastidioso. Fino a quando non saranno più eleganti e meno invadenti, questi tipi di dispositivi potrebbero avere difficoltà a trovare un appeal di massa.

La funzione è tutta un’altra questione. L’intreccio dell’elettronica con i tessuti fa venire in mente quell’orribile prurito dell’etichetta della maglietta, volte 10. La pelle si ritrae al pensiero dei sensori che graffiano via, tutto il giorno. Ma gli ingegneri stanno superando i problemi di comfort e facilità d’uso.

I ricercatori della Polytechnic School di Montreal hanno integrato controlli sensibili al tocco direttamente nei vestiti. Hanno rivestito fili di rame con polimero di dimensioni sufficientemente piccole (meno di un millimetro di diametro) per essere intrecciati in tessuti che, in particolare, sono realizzati con processi di produzione tradizionali.

Il risultato finale potrebbe essere una maglietta che cambia il volume delle tue cuffie. O un seggiolino per auto che scorri per cambiare la posizione del sedile, o magari alzare o abbassare il riscaldamento. Questi tessuti si lavano come qualsiasi altro tipo di materiale, caratteristica importante quando si combatte lo sporco e le macchie della vita di tutti i giorni.

Naturalmente, l’elettronica senza una fonte di alimentazione è piuttosto inutile. Gli stessi ricercatori hanno anche trovato un modo per realizzare una batteria agli ioni di litio morbida e flessibile che assomigli molto alla pelle artificiale. Anche questo materiale può essere intrecciato nei vestiti per alimentare una gamma di gadget, fornendo centinaia di volt durante il giorno. Una versione lavabile è in lavorazione dall’inizio del 2014.

Un altro piezo del puzzle

Da anni ormai, gli ingegneri lavorano per integrare componenti piezoelettrici negli indumenti. La piezoelettricità è elettricità generata da uno stress meccanico, in altre parole, dalla flessione. Le minute parti piezoelettriche che producono questo tipo di energia sono talvolta chiamate anche nanogeneratori .

Quando minuscoli componenti piezoelettrici si piegano, generano una carica elettrica rilevabile. Incorpora questi componenti nei vestiti, corri per diverse decine di miglia e potresti aiutare a risolvere la crisi energetica, giusto?

L’idea non è così inverosimile come sembra. Le discoteche hanno installato pavimenti con parti piezoelettriche, che si piegano quando le persone ci ballano sopra. Quell’energia viene quindi utilizzata per alimentare altre aree del club, come le luci o il sistema audio. Inoltre, un’azienda potrebbe inserire lo stesso tipo di componenti, ad esempio, negli stivali di un soldato. Ogni passaggio fornirebbe letteralmente energia a una serie di dispositivi sul campo di battaglia.

Un problema è che i materiali piezoelettrici generalmente non producono una forte scarica elettrica. Spesso quell’energia viene misurata solo in millivolt o nanoampere. Ma con modi migliori per raccogliere e immagazzinare l’energia su una persona, potrebbe essere catturata, salvata e incanalata verso attrezzi assetati di potere nel prossimo futuro.

Per un soldato o un avventuriero bloccato per giorni senza accesso a prese elettriche, questo tipo di tecnologia ha un grande potenziale. Improvvisamente, ci sarebbe un modo per far rivivere le batterie scariche in un telefono satellitare o in un’unità GPS. Una situazione che una volta era potenzialmente mortale poteva essere gestita molto più facilmente semplicemente camminando per un po’.

Gli indumenti che catturano l’energia sono ancora in fase di prototipo. Salvo improvvise scoperte nella ricerca e nella produzione, potrebbero volerci anni prima che camicie e scarpe di livello consumer possano trasformare il nostro olio di gomito in impulsi elettrici misurabili.

Il tuo io digitale

Il tuo prossimo futuro sarà pieno di occhiali per realtà aumentata e maglioni mood?

Il tuo prossimo futuro sarà pieno di occhiali per realtà aumentata e maglioni mood?© JOSH EDELSON/AFP/GETTY IMAGES

Con tutto il potenziale ovvio per la tecnologia indossabile, potresti chiederti perché questi dispositivi non hanno già trovato un posto nel mainstream. Ci sono le solite insidie ​​nel prevedere la popolarità di un prodotto e gran parte delle discussioni tornano a spese.

Le versioni digitali dei prodotti che già abbiamo costeranno ovviamente di più da realizzare. E i produttori non sono entusiasti di riorganizzare le loro apparecchiature di produzione a meno che non siano sicuri di poter realizzare un profitto sul prodotto finale. I consumatori, da parte loro, potrebbero accendersi all’idea di possedere un paio di pantaloni in grado di caricare il proprio smartphone, ma il concetto potrebbe non essere così eccitante una volta che vedono il prezzo.

C’è anche l’equilibrio tra il volere e il bisogno effettivo di più tecnologia. Certo, Google Glass può offrire immediatamente indicazioni stradali e recensioni sui ristoranti. Ma è davvero un’evoluzione necessaria nella tecnologia di consumo? O è solo un modo per accarezzare il tuo ego digitale e stupire i tuoi amici senza vetro?

Poi ci sono problemi di privacy e sicurezza . A questo punto, quasi tutti coloro che possiedono un telefono cellulare capiscono che la privacy è forse un concetto dimenticato. Eppure un dispositivo di monitoraggio della salute, violato da un delinquente senz’anima, potrebbe esporre informazioni molto private al resto del mondo.

E, naturalmente, c’è l’ elefante nella stanza. Perché fermarsi ai dispositivi indossabili? Perché non incorporare chip e sensori direttamente all’interno del tuo cranio? Impianta un chip Wi-Fi nel lobo frontale e la tua connessione Internet diventa molto più comoda e, se perdi la password, il pulsante di ripristino si trova dietro l’orecchio destro.

Scherzi a parte, la tecnologia indossabile è un’avventura allettante per chiunque utilizzi gadget digitali. Forse un giorno presto non dovrai più preoccuparti di perdere il tuo telefono: sarà semplicemente integrato nel tuo dolcevita.

Molte più informazioni

Nota dell’autore: come funziona la tecnologia indossabile

Ricordo le difficoltà che ho avuto quando ho iniziato a giocare a golf anni fa. Il mio swing era un disastro e non avevo idea di come risolvere il problema. Non c’erano fotocamere digitali per registrare il mio swing, quindi sono rimasto a cercare di capire perché la mia palla continuava a volare per centinaia di piedi nella direzione sbagliata. Un sensore indossabile e la relativa app per smartphone (e feedback video dallo stesso telefono) sarebbero stati letteralmente un punto di svolta. Invece di aggrapparmi alle cannucce chiedendomi quale parte del corpo fosse fuori allineamento, avrei saputo immediatamente che la mia rotazione dell’anca era troppo breve. Questa è solo una piccola promessa di tecnologia indossabile. Considerami sul carrozzone.

articoli Correlati

Smart clothing: cos’è e come funziona l’abbigliamento intelligente

  • Lo smart clothing è l’abbigliamento intelligente. Un capo può essere reso smart attraverso l’inserimento di dispositivi IoT e/o attraverso la realizzazione di particolari tessuti che lo “elettrifichino”: da fibre a cavi, che trasmettano e ricevano segnali. Come funziona, esempi, frontiere

Cos’è lo smart clothing

Lo smart clothing è, letteralmente, “l’abbigliamento intelligente”: ovvero, in grado di raccogliere, memorizzare e scambiare informazioni da e verso l’ambiente circostante, come un dispositivo IoT. Il capo di abbigliamento diventa un’interfaccia capace di “sentire” modalità e frequenza di contatto con la pelle, nonché di monitorare parametri come il battito cardiaco, la respirazione, la temperatura corporea.WHITEPAPERI Robot del futuro e le loro applicazioni nella vita quotidiana. Qui tutti i dettagliRobotica

Leggi l’informativa sulla privacyE-mail

  • Consente l’invio di comunicazioni promozionali inerenti i prodotti e servizi di soggetti terzi rispetto alle Contitolari che appartengono al ramo manifatturiero, di servizi (in particolare ICT) e di commercio, con modalità di contatto automatizzate e tradizionali da parte dei terzi medesimi, a cui vengono comunicati i dati.

Una seconda pelle che, seguendo l’intuizione del massmediologo canadese Marshall McLuhan, si concretizza come un vero e proprio medium che estende e aumenta le possibilità di azione e percezione del corpo. La prima edizione di “Understanding Media” è del 1964. Quattro anni dopo, nel 1968, la designer Diana Dew presentava alla mostra “Body Covering” del Museum of Contemporary Craft di New York una linea di moda elettronica, con abiti da sera in grado di illuminarsi e cinture dotate di alert.

Potenzialmente, qualsiasi oggetto può essere reso “interattivo” se dotato di un sensore che lo renda elettronicamente sensibile, in grado di “sentire” quando e come “viene toccato”, ovvero quando e come entra in contatto e interscambio con l’ambiente.

smart clothing

Nell’abbigliamento, un capo può essere reso smart attraverso l’inserimento di dispositivi IoT e/o attraverso la realizzazione di particolari tessuti che lo “elettrifichino”: da fibre a cavi, che trasmettano e ricevano segnali.

In entrambi i casi si parla di “e-textile”, ovvero tessuti elettronici, nel secondo caso, più specificatamente, di “fibretronica”.

Dieci anni fa, nel 2011, il designer olandese Daan Roosegaarde presentava il progetto Intimacy 2.0, due prototipi di abiti realizzati con e-foil, un tessuto composto da sensori di rilevamento e lamine che, se elettrificate, diventavano trasparenti. La distanza con gli interlocutori e l’aumentare del battito cardiaco determinavano il grado di trasparenza degli abiti.

Video – Intimacy 2.0 – Studio Roosengaarde

Da allora, si sono moltiplicate iniziative, brevetti e investimenti.

Come funziona lo smart clothing? Esempi e nuove frontiere

A fine aprile Nextiles, startup con sede a Brooklyn, ha lanciato il proprio tessuto intelligente. La fibra-cavo è ricavata da filati di cotone, poliestere e spandex rivestiti e fusi con materiali conduttivi: viene inserita nel tessuto con particolari tecniche di cucitura, insieme a chip Bluetooth grandi quanto un’unghia che servono a elaborare i dati generati dai sensori posizionati attorno e non dentro il tessuto.

A febbraio, Apple ha depositato un brevetto per un pulsante/bottone in tessuto intelligente, con circuiti di sensori per abbigliamento.

A gennaio 2020 è stato pubblicato su Nature Communication lo studio di un team di ricercatori della National University of Singapore che ha realizzato un tessuto che incorpora fili conduttivi nelle maglie di poliestere-elastan o cotone-poliestere, saldandole con colla a caldo, e sensori wireless. Fili e sensori funzionano come un tag NFC – Near Field Communication incorporato: in prossimità di un lettore wireless, l’abito genera un “hotspot” magnetico che consente la comunicazione fino a un metro di distanza, molto oltre la NFC convenzionale e senza circuiti al silicio integrati né connettori necessari.

La tecnologia NFC è tra le più usate nello smart clothing: nel 2016 Samsung ha presentato il proprio Smart Suit, il completo da lavoro intelligente come dotato di un tag NFC, che lo rendeva capace di scambiare bigliettini da visita, sbloccare il telefono e interagire con altri dispositivi attraverso un pulsante/spilla da bavero.

Tra i primi progetti di smart clothing, ricordiamo: i pantaloni in grado di ricaricare il cellulare grazie ad una piastra wireless a induzione magnetica cucita in una delle tasche, realizzati nel 2014 dallo stilista Adrien Sauvage in collaborazione con Microsoft Mobile; la giacca ISSHO, realizzata nel 2017 dalla designer Pauline van Dongen con l’azienda ItalDenim, che integra filamenti conduttivi e piccoli motori ed è in grado di muoversi sulla schiena di chi la indossa appena percepisce il tocco; la linea di abbigliamento con chip incorporato “Tommy Jeans Xplore”, lanciata negli Stati Uniti da Tommy Hilfiger nel 2018 per tracciare e premiare i propri utenti; il “GER Mood Sweater”, un top a collo alto basato sul Galvanic Extimacy Responder presentato nel 2013 dal laboratorio di design Sensoree. I sensori GER, ispirati al Galvanic Skin Response, che legge l’attività elettrodermica e i livelli di eccitazione corporea, in questo progetto di “intimità esteriorizzata” sono posizionati sulle mani: i dati vengono tradotti in visualizzazioni sul colletto, che si illumina con luci LED differenti, per comunicare le proprie emozioni senza parlare.

https://player.vimeo.com/video/147535853?dnt=1&app_id=122963

Video – GER Mood Sweater – Sensoree

Smart clothing per il fitness

Già nel 2015 la casa di alta moda Ralph Lauren in collaborazione con la canadese OMSignal ha presentato le PoloTech, smartshirt dal tessuto composto da minisensori, connettori e fibre in argento in grado di tracciare frequenza e variabilità cardiaca, profondità e recupero della respirazione, intensità del movimento, produzione di energia, passi fatti e calorie bruciate. I dati venivano trasmessi ad una app compatibile con dispositivi Apple, per allenamenti adattivi e personalizzati.

Fa parte della linea smart clothes Samsung, presentata al CEC 2016, Body Compass 2.0, canottiera e pantaloni sportivi dotati di sensori in tutto il tessuto e alimentati da processori e batterie disseminati in piccoli “nodi” dalle dimensioni di tappi di bottiglia non lavabili in lavatrice. Nello stesso anno, la startup americana Komodo ha lanciato Aio Smart Sleeve, la manica in tessuto elasticizzato dotata di sensori che rilevano attività corporea, battito cardiaco, temperatura e livelli di raggi UVA.

Video: Come funziona AIO Smart Sleeve – Komodo Technologies (Inglese)

Del 2018 i pantaloni per yoga “Nadi X”, realizzati dalla startup australiana Wearable X e in grado di produrre vibrazioni nel punto in cui si assume la posizione errata durante gli esercizi e quindi di correggere la postura. L’anno successivo l’azienda tedesca Ambiotex ha sviluppato la maglietta smart con sensori integrati per monitorare e registrare le informazioni delle performance.

Smart sleepwear

Al Consumer Electronic Show di Las Vegas 2020, il più importante evento tech al mondo, l’azienda giapponese Xenoma ha presentato la “Sleep & Lounge Collection”, una linea di pigiami “smart” pensati in particolare per gli anziani perché in grado di monitorare i parametri vitali di chi li indossa mentre dorme e di attivare l’alert in caso di caduta a terra.

Video – Come funziona il pigiama intelligente – Xenoma

Nel 2017 l’azienda americana Under Armour ha lanciato “l’Athlete Recovery Sleepwear” che assorbe il calore del corpo e rilascia luce infrarossa per migliorare qualità del sonno e recupero muscolare.

Calzini intelligenti

È stata presentata l’anno scorso dall’azienda canadese Quanta Vici la combinazione guanti-calzini intelligenti e impermeabili, in grado di regolare la temperatura interna e riscaldare le estremità corporee secondo la quantità di calore desiderata. I guanti sono realizzati in poliestere e spandex, i calzini in lana, nylon e spandex: entrambi i prodotti contengono un sistema di sensori integrati che non necessita di batteria. Sono ricaricabili in meno di due ore e monitorabili via app, con autonomia di 6 ore con richiesta massima di calore.

I calzini intelligenti Siren Care, lanciati nel 2017 dall’azienda statunitense, sono in grado di monitorare la temperatura dei piedi per rilevare l’insorgere di infiammazioni e comunicarle immediatamente via app: lavabili, pensati per pazienti diabetici, possono essere richiesti solo tramite prescrizione medica. Si accendono automaticamente, hanno la batteria dalla durata di almeno sei mesi.

Video – Come funzionano i Siren Socks – Siren Care (in inglese)

Sono ormai un classico i Fitness Socks, i calzini intelligenti della startup Sensoria, che contengono ciascuno tre sensori tessili sotto la zona plantare per rilevare la pressione di ogni piede: il calzino, lavabile in lavatrice, si collega al braccialetto di gomma da indossare sulla caviglia, che a sua volta invia i dati all’app mobile tramite bluetooth.

I Fitness Socks, presentati nel 2015, misurano velocità, cadenza, calorie bruciate nella corsa, registra il percorso tramite GPS, per allenamenti personalizzati. L’applicazione è in grado di selezionare i modelli di calzature più adatti al proprio passo, la batteria supporta 12 ore di utilizzo.

Google Jacquard: immaginazione o futuro?

Dal 2015 Google ha all’attivo il progetto Jacquard, focalizzato sullo smart clothing ma non solo.

Ivan Poupyrev, il designer leader dei progetti tecnici della divisione “Advanced Technology and Projects” di Google, ne ha spiegato al TEDX 2019 la visione: non la moltiplicazione di dispositivi IoT ma la creazione di “ambient computer” che rendano intelligenti tutti gli oggetti.

Video – TEDX19 – Ivan Poupyerev – “Tutto ciò che hai intorno può diventare un computer” (Inglese)

Jacquard si concretizza come un tag, un microprocessore compatto che contiene circuiti integrati e può essere incorporato nel design di qualsiasi prodotto.

Il primo prodotto Google Jacquard è stato realizzato in partnership con Levi’s nel 2017, la giacca Commuter Tracker: il tag incorporato nella polsino della giacca si collega allo smartphone tramite bluetooth e permette di “controllarlo” da remoto. Può essere lavata solo 10 volte per preservare la tecnologia.

Video – Giacca “Commuter Tracker” – Levi’s e Jacquard by Google

È seguita nel 2019 la “ Trucker Jacket”: anche in questo caso, il tessuto del polsino sinistro è composto da fili Jacquard realizzati in leghe metalliche conduttive e collegato a un jack su cui si inserisce il tag, da rimuovere prima del lavaggio in lavatrice. Rispetto alla versione precedente, è stato associato Google Assistant, quindi la possibilità di associare ad ogni movimento uno specifico comando, ed è stato allargato il mercato di riferimento all’Europa.

L’altro progetto Jacquard by Google è Adidas Gmr, realizzato insieme a Ea Sports Fifa Mobile: il tag viene inserito nella soletta della scarpa Adidas del proprio piede dominante, i dati relativi a tiri in porta, potenza, distanza e velocità vengono trasferiti via bluetooth all’app Adidas Gmr che si interfaccia con Fifa Mobile. Le prestazioni reali vengono quindi trasformate in dati che migliorano il punteggio del Fifa Ultimate Game, la modalità che consente di costruire la propria squadra per giocare tornei on e offline.

Fonte: https://www.internet4things.it/iot/

Related Articles

Stay Connected

21,914FansLike
3,584FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi Articoli