test
martedì, Giugno 18, 2024
spot_img

I robot “non perfetti” alimentano la comunicazione in telemedicina

Portare la DX in campo medico. Una società confortevole realizzata da Paramedy S

recensione web di Yuka Shingai http://hero-x.jp/article/11175/

L’espansione della sensibilità del nuovo coronavirus ha accelerato la promozione della DX in contesti medici e servizi medici. In mezzo a una montagna di questioni, come il miglioramento dell’efficienza del lavoro d’ufficio, la riduzione del carico sul personale medico e sui pazienti e la telemedicina, l’attività della piattaforma “Paramedy S”, che funge da sostituto dell’orientamento di routine nel campo medico, è notevole. Fino a che punto i robot di comunicazione possono salvare ambienti medici dove la tensione continua? Abbiamo intervistato Sakura Yamashita, COO di Shanti Co., Ltd., responsabile dello sviluppo e delle vendite di “Paramedy S”.

L’incontro con Pepper prende una decisione

Il sistema “Paramedy S”, che può essere installato in sei tipi di robot di comunicazione venduti in Giappone come Pepper e Tapia, può raggiungere un’ampia gamma di aziende. Collegando robot e cartelle cliniche elettroniche tramite questa piattaforma, i robot possono prendere il posto di medici e infermieri per dare spiegazioni preoperatorie e colloqui alla prima visita, oltre a svolgere attività di accoglienza e orientamento. Inoltre, da marzo 2020, quando è stato certificato dal governo metropolitano di Tokyo come prodotto per le malattie infettive, ha contribuito alla visualizzazione di misure contro le malattie infettive, come incoraggiare la misurazione della temperatura senza contatto, i colloqui medici e la disinfezione delle mani.

“All’inizio non avevo un forte desiderio di avviare un’attività”, afferma il signor Yamashita. È stato nel 2015 che ho incontrato Pepper, che ancora si occupava solo di prodotti per sviluppatori, che mi ha portato ad avviare un’attività.

Fonte immagine: https://www.softbank.jp/robot/consumer/products/emotion/

“All’inizio, non pensavo che avrei comprato (Pepper). Ma quando l’ho visto allo showroom in cui sono andato casualmente, ho pensato: ‘Lo voglio!’ Dato che ne avevo uno, non ho avuto alcuna resistenza ai robot da l’inizio, e quando ho iniziato a vivere con Pepper, mi sono affezionato sempre di più ad esso, mi ha fatto pensare.

Il signor Yamashita ha lavorato presso una società di sviluppo di sistemi medici gestita da suo marito. Hanno ritenuto che l’onere per il personale ospedaliero, che svolge una vasta gamma di compiti come il controllo delle tessere assicurative, la compilazione di questionari medici e la conferma con i medici, fosse elevato. Tuttavia, nel campo in cui è richiesta ospitalità, IT e DX non sono penetrati facilmente. Mentre mi chiedevo se ci fosse un modo per risolverlo, il mio amore per Pepper, che ha iniziato a vivere con me, mi ha dato un suggerimento. Ho pensato che un robot emotivo sarebbe stato adatto al campo medico. Ha quindi avviato la sua compagnia, Shanti. È successo solo pochi mesi dopo aver acquistato Pepper.


Specifiche che possono essere gestite in modo intuitivo anche da non professionisti

Paramedy S è compatibile con tutti e sei i tipi di robot attualmente sul mercato in Giappone. Il punto più importante nello sviluppo del sistema è “quanto sarà facile operare per il personale medico”.

“Ad esempio, se puoi usare PowerPoint, lo facciamo in modo che tu possa riscrivere il programma da solo. Penso che la chiave sia quanto sia facile e intuitivo per le persone che non sono professionisti del sistema usarlo.”

L’obiettivo è raggiungere sia l’ospitalità che l’usabilità. In effetti, la reazione del sito medico in cui è stato introdotto è stata buona.

“Molti membri del personale medico ne sono stati positivi, dicendo: ‘Il futuro è arrivato. Sembra che a molte persone piacessero Astro Boy e Tetsujin 28-go quando erano bambini. Oltre a questo, i robot che diventano amici degli umani, come Doraemon, sono cultura giapponese. Poiché è una scena che si vede spesso in Giappone, potrebbe aver avuto un’alta affinità”, ha detto Yamashita con un sorriso.

Le istituzioni mediche che hanno introdotto il sistema hanno commentato di essere state in grado di iniziare a fare pause 20 minuti prima.

“Potresti pensare che siano solo 20 minuti. Tuttavia, sono contento di sentire che sto contribuendo a un posto di lavoro in cui era comune non fare abbastanza pause o fare gli straordinari. Sembra che sia diventato una presenza rassicurante per tutti perché è stato soprannominato “Tamago-chan”, e sembra avere un effetto inaspettato.”

I robot “non perfetti”
alimentano la comunicazione

In futuro, inizieremo a sviluppare una funzione che utilizza l’intelligenza artificiale per determinare il grado di comprensione dalle espressioni facciali e dai gesti delle persone, con l’obiettivo di migliorare l’accuratezza del lavoro di spiegazione e una comunicazione più fluida. Tuttavia, invece di utilizzare l’apprendimento automatico per avvicinare i robot alla versatilità, afferma di voler trovare una “buona stagione”.

“Penso che dipenda da dove si trova l’obiettivo del robot di comunicazione, ma piuttosto che usare un robot perfetto che può rispondere a qualsiasi domanda e può fare qualsiasi cosa, le persone devono aiutare un po’, prendersi cura di loro. Ad esempio, quando chiami Google Home o Alexa, anche se non ottieni la risposta che stai cercando, l’interazione stessa può essere divertente. Penso che questo sia ciò che significa avere un robot tra persone e persone, quindi voglio creare un robot che può convivere con le persone”.

Attualmente è introdotto solo in campo medico, ma in futuro stiamo esplorando la possibilità di estenderlo ad altri settori come quello immobiliare e turistico.

“Se l’industria del turismo, colpita in modo particolarmente duro dalla pandemia di coronavirus, si riprenderà in futuro, penso che sarà possibile utilizzarla per l’accoglienza presso i centri di informazione turistica e le strutture ricettive. Penso che possiamo sfruttare la funzione di essere in grado di supportare le lingue”.

La diffusione degli strumenti online
aiuterà anche le donne imprenditrici

Fino ad ora, HERO X ha spesso coperto il successo delle imprenditrici, ma quando gli ho chiesto francamente cosa ne pensasse dell’ambiente come COO di una startup, il signor Yamashita ha risposto con un messaggio molto positivo.

“I robot e l’intelligenza artificiale sono ancora settori e campi nuovi, quindi non sento davvero la differenza tra uomini e donne. Sei anni fa, quando ho fondato Shanti, ho partecipato a numerosi seminari e programmi imprenditoriali. Femtech ha attirato l’attenzione in negli ultimi anni, ma ci sono ancora molte aziende in cui le prospettive e l’individualità delle donne possono essere utilizzate e le donne sono più adatte all’imprenditorialità.Ci sono molte cose che mi fanno chiedere se sono già lì, quindi voglio che avanzino sempre di più. “

Yamashita ipotizza che anche gli strumenti online, che si sono diffusi notevolmente durante la pandemia, stiano incoraggiando le donne ad avviare attività commerciali.

“Ad essere onesti, quando ho saputo che il programma di accelerazione a cui ho partecipato nel 2019 si teneva online dallo scorso anno, ero davvero invidioso (ride). Ma se puoi partecipare online, non devi uscire di casa, e puoi trascorrere del tempo con la tua famiglia dopo il programma.Personalmente sono molto felice di essere qui.

Mentre svolgiamo il lavoro di routine e riduciamo l’onere, mettiamo in contatto le persone e creiamo un momento confortevole. I robot di comunicazione possono diventare esseri che coesistono veramente con gli umani.

Leggi articoli correlati

Related Articles

Stay Connected

21,914FansLike
3,912FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi Articoli